Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘bacinella’

Riepilogo dei blog aperti per rispondere alle accuse dei farisei moderni Butindaro e Piredda

Lettera del pastore Gilberto Perri a suo figlio Giovanni che riepiloga le risposte alle accuse dei farisei moderni e spiega lo spirito che anima Butindaro e Piredda

  1. Gilberto Perri e la trinità
  2. Farneticazioni del fariseo Butindaro in merito alla trinità
  3. Gilberto Perri e la purificazione: Risposta ai farisei Butindaro e Piredda
  4. Gilberto Perri e il battesimo dei vivi per i morti: la confusione del fariseo Butindaro
  5. Gilberto Perri e il ritorno di Gesù: il fariseo Butindaro, confuso, non si accorge di dire chiaramente la menzogna.
  6. Confutazione della teoria del giudizio usata dai farisei moderni Butindaro e Piredda per accusare i fratelli
  7. Gilberto Perri difende il fratello Fiorese dalle accuse dei farisei Butindaro e Piredda
  8. Commenti di risposta ai blog infamanti dei farisei Butindaro e Piredda che non vengono pubblicati al solo scopo di nascondere la verità
Annunci

Read Full Post »

Fratelli in Cristo ancora una volta siamo costretti a difenderci dalle percosse e lapidazioni dei farisei moderni Butindaro e Piredda al fine di chiarire l’integrità e l’unzione del pastore Gilberto Perri il quale, nel pascere le pecore che il Signore gli ha affidato, intende a tutti i costi mettere in pratica le Scritture rifacendosi sempre ad esse secondo la Santa rivelazione che lo Spirito Santo gli da.

 Di fatto sul pastore Perri si adempie la Scrittura che dice:

 Giovanni 15:20 Ricordatevi della parola che v’ho detta: Il servitore non è da più del suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. 21 Ma tutto questo ve lo faranno a cagion del mio nome, perché non conoscono Colui che m’ha mandato.

 Ringraziamo comunque nostro Signore Gesù Cristo che, secondo la sua Parola Santa, (Romani 8:28 Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno.) ogni cosa coopera al nostro bene poiché c’è data la possibilità di smascherare le macchinazioni maligne che satana il diavolo, insieme ai suoi figli, cerca di “iniettare” nei cuori dei credenti deboli nell’intento di sedurli ed allontanarli dalla verità.

 I farisei moderni Butindaro e Piredda chiamano “superstizione” l’ubbidienza relativa alla purificazione attraverso l’immersione o il “lavaggio” dei piedi con acqua e sette gocce di olio.

 PREMETTIAMO CHE IL PASTORE GILBERTO PERRI HA INSEGNATO IN PIU’ PREDICAZIONI CHE NON E’ LA PRATICA IN SE STESSA DI TALE PROCEDURA CHE LIBERA E SANA DALLE INFERMITA’, MA E’ L’ATTO DI UBBIDIENZA AL MANDATO DA PARTE DEL MALATO O DEL CONTAMINATO, CHE ESERCITATA GUARISCE E LIBERA.

 Questo è un metodo basato appunto sull’ubbidienza al mandato usato non solo nel vecchio testamento ma anche nel nuovo.

 2Re 5:10 Ed Eliseo gli inviò un messaggero a dirgli: «Va’, làvati sette volte nel Giordano; la tua carne tornerà sana, e tu sarai puro»… 14 Allora egli scese e si tuffò sette volte nel Giordano, secondo la parola dell’uomo di Dio; e la sua carne tornò come la carne di un bambino; egli era guarito;

 Nel nuovo testamento anche Gesù Cristo stesso usò questo santo metodo quando anziché imporre le mani e guarire direttamente il cieco praticò ciò che i farisei moderni Butindaro e Piredda avrebbero chiamato “superstizione”:

 Giovanni 9:6 Detto questo, sputò in terra, fece del fango con la saliva e ne spalmò gli occhi del cieco,7 e gli disse: «Va’, làvati nella vasca di Siloe» (che significa: mandato). Egli dunque andò, si lavò, e tornò che ci vedeva.

Giovanni 9:11 Egli rispose: «Quell’uomo che si chiama Gesù fece del fango, me ne spalmò gli occhi e mi disse: “Va’ a Siloe e làvati”. Io quindi sono andato, mi son lavato e ho ricuperato la vista».

 Sappiamo tutti perché Gesù mandò il cieco a lavarsi proprio alla vasca di Siloe, perché appunto significava “mandato”. Fu l’ubbidienza al mandato di Dio Gesù Cristo che guarì il cieco.

Se il cieco non avesse ubbidito muovendo il proprio corpo e andando alla vasca, la sua guarigione non sarebbe stata compiuta.

 Qualcuno di voi se la sentirebbe di dire, seguendo la teoria dei farisei Butindaro e Piredda, che Gesù è stato un superstizioso? A VOI LA RISPOSTA!

 Il pastore Gilberto Perri è un apostolo di Gesù Cristo confermato da innumerevoli frutti cristiani, chiese nate dal suo ministerio sparse in tutto il territorio nazionale, più di 20.000 anime convertite grazie alla sua evangelizzazione, fondatore di associazioni di volontariato e cooperative sociali che adempiono quanto comandato dal nostro Signore in Matteo 25 ecc. ecc. ecc.

 Il mandato ricevuto da Gesù Cristo gli consente di applicare le Scritture per come Spirito Santo gli rivela anche in merito alla pratica di azioni perfettamente bibliche ma non usate da evangelici o cattolici. Se lo Spirito Santo gli rivela cose che gli altri non capiscono deve egli non praticarle solo per compiacere ad una denominazione? NO.

 In merito alla purificazione dalle contaminazioni la Scrittura ci dice:

 Atti 21:26 Allora Paolo, il giorno seguente, prese con sé quegli uomini e, dopo essersi purificato con loro, entrò nel tempio, annunziando di voler compiere i giorni della purificazione, fino alla presentazione dell’offerta per ciascuno di loro.

 2Corinzi 7:1 Poiché abbiamo queste promesse, carissimi, purifichiamoci da ogni contaminazione di carne e di spirito, compiendo la nostra santificazione nel timore di Dio.

 Ora ci domandiamo: perché l’apostolo Paolo invita alla purificazione e non semplicemente alla santificazione o all’ubbidienza alla Parola? Cosa intendeva? Cosa dovremmo fare noi per “purificarci”? Cosa fece insieme a quegli uomini (Atti 21) per purificarsi?

 Ebbene la Scrittura nell’antico testamento è piena di riferimenti alla purificazione attraverso l’aspersione, fatta sette volte, di olio (citiamo solo alcuni passi):

 Levitico 14:7 Aspergerà sette volte colui che deve essere purificato dalla lebbra; lo dichiarerà puro e lascerà l’uccello vivo andare libero per i campi.

Levitico 14:27 e con il dito della sua mano destra aspergerà l’olio, che avrà nella mano sinistra, sette volte davanti al SIGNORE.

 Gesù stesso purificò gli apostoli lavandogli i piedi con una bacinella:

 Giovanni 13:10 Gesù gli disse: «Chi è lavato tutto, non ha bisogno che di aver lavati i piedi; è purificato tutto quanto; e voi siete purificati, ma non tutti».

 Gli apostoli non erano completamente purificati. I loro piedi (la parte del corpo che rimane a contatti con le cose della terra) dovevano essere lavati e purificati.

 Il pastore Gilberto Perri non  ha obbligato alcuno, tanto meno appartenente ad altre comunità, a praticare tali atti di ubbidienza, ma li ha consigliati a quanti hanno fede nel suo ministerio per la guarigione e la liberazione dalle contaminazioni, cosa che ha funzionato (appunto perché è voluta da Dio) con centinaia di persone (solo alcune delle quali hanno testimoniato nel filmato proposto dal fariseo Butindaro).

Il frutto quindi di questa ubbidienza si è evidenziato con la riprova concessa dal Signore stesso che si manifesta attraverso i segni e i prodigi.

 Matteo 7:20 Li riconoscerete dunque dai loro frutti.

Marco 16:20 E quelli se ne andarono a predicare dappertutto e il Signore operava con loro confermando la Parola con i segni che l’accompagnavano.

Ebrei 2:4 mentre Dio stesso aggiungeva la sua testimonianza alla loro con segni e prodigi, con opere potenti di ogni genere e con doni dello Spirito Santo, secondo la sua volontà.

 Fratelli che amate la verità vi esortiamo con le stesse esortazioni di Gesù a stare più lontano possibile dai farisei guardandovi dal loro lievito che produce la morte.

Questi tali farisei moderni, infatti, fomentano le genti generando malumori cercando di inserire il loro lievito maligno frutto della ipocrisia che li caratterizza.

 Luca 12:1 Nel frattempo la gente si era riunita a migliaia, così da calpestarsi gli uni gli altri. Allora Gesù cominciò a dire prima di tutto ai suoi discepoli: Guardatevi dal lievito dei farisei, che è ipocrisia.

 Matteo 7:19 Ogni albero che non fa buon frutto, è tagliato e gettato nel fuoco.

 

 

Read Full Post »